30/10/2018 di natcollistar

Il piccolo abitante dei boschi

I pregi del Mirtillo Nero tra libri e ricette.

La natura e i suoi elementi hanno da sempre esercitato sull’uomo un richiamo, un fascino.

Sicuramente per la bellezza estetica dei suoi paesaggi o il senso di sublime che trasmettono le sue manifestazioni, ma non solo. Vi è un richiamo più intimo che a volte spinge l’uomo a tornare verso di lei.

 

Un richiamo, curiosamente, tanto condiviso, da far nascere film, libri e diversi format televisivi dedicati a raccontare il ritorno nella natura di persone comuni, in cerca di semplicità e libertà.

Il più celebre è Into the Wild, libro scritto da Krakauer e film diretto da Sean Penn; il più curioso è The Stranger in the Wooddi Michael Finkel; mentre il capostipite è Walden. Vita nei boschi del filosofo americano David H. Thoreau.

Proprio di Thoreau è uscito poco fa un inedito, scritto nel 1860, dal titolo: Mirtilli. O l’importanza delle piccole cose, nel quale consiglia di godersi la vita dando valore alle piccole cose, come i mirtilli. Un frutto che nasce spontaneamente nei boschi del nord, molto usato dai nativi americani che lo consumavano fresco o affumicato durante l’inverno, mescolandolo con miele e farina di mais per creare torte o ricavandone uno sciroppo per la tosse.

Un frutto essenziale per i popoli scandinavi o baltici: in Svezia, ad esempio è protagonista della BlabarSuppe, considerata un toccasana per l’inverno, mentre a Riga affolla le bancarelle dei mercati, raccolto nei boschi dai contadini la mattina stessa mentre si recano in città.

Questo piccolo arbusto, dal carattere socievole e fortemente adattabile, oltre ad essere protagonista e punto di partenza della riflessione di Thoreau, è una bacca ricca di proprietà benefiche e principi attivi quali come eterosidi flavonoidici, antocianosidi, tannini catechinici e provitamina A, vitamina C e vitamine del complesso B.

Oltre ai benefici nel mangiarlo al naturale, come la rigenerazione dei pigmenti della retina, la capacità di proteggere le vene e migliorare la microcircolazione sanguigna oppure le proprietà antinfiammatorie, con le sue foglie possono essere fatti decotti utili e salutari.

Non solo, essendo ricco di antiossidanti, il mirtillo nero può rallentare il processo degenerativo dei tessuti, contrastare lo stress ossidativo causato dall’avanzare dell’età, combattere gonfiori, borse e occhiaie.

 

Un piccolo frutto, tante proprietà. Una scelta naturale per il proprio benessere e la propria bellezza.

Del resto, come dice proprio Thoreau, la natura fa ogni giorno del suo meglio per farci stare bene.

Share


Resta sempre aggiornato.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere informato su promozioni, novità e curiosità dal mondo di Natura.